A chi è rivolto

Il servizio è rivolto a chiunque voglia:

  • ospitare uno straniero o apolide, anche se parente o affine
  • assumere uno straniero o apolide per qualsiasi causa alle proprie dipendenze
  • cedere a uno straniero o apolide la proprietà o il godimento di beni immobili, rustici o urbani, situati nel territorio dello Stato.
Descrizione

L’obbligo, in particolare, spetta a:

  • datori di lavoro che impiegano stranieri (privati o aziende)
  • residenti, stranieri e non, che ospitano cittadini stranieri.

La comunicazione deve avvenire entro 48 ore per ogni persona ospitata.
Se la comunicazione è presentata oltre le 48 ore, cioè se la data di ospitalità è antecedente di due giorni, il Comune è obbligato a segnalarlo alla Polizia Locale che applicherà le sanzioni previste.

La comunicazione deve essere sottoscritta da chi ha l’uso dell’immobile (perché proprietario o affittuario).

L’identità del cessionario deve essere obbligatoriamente accertata dal cedente attraverso un documento d’identità. Non sono ammesse altre modalità, neppure l’eventuale conoscenza personale.

Se si cede ad uso esclusivo un fabbricato o una sua parte a uno straniero, la comunicazione di ospitalità assorbe la comunicazione di cessione fabbricato.

Come fare

L'istanza va presentata al protocollo presentando il modulo.

Costi

Il servizio è gratuito

Accedi al servizio

Clicca qui per prenotare un appuntamento:

Prenota Appuntamento

Condizioni di servizio
Contatti
Documenti
Modulistica
Argomenti

Ultimo Aggiornamento

09
Giu/23

Ultimo Aggiornamento